martedì 21 febbraio 2017

Caso di meningite all’Ospedale di Caltagirone





I sanitari: «Nessun pericolo per la popolazione»

Una donna di 36 anni è stata ricoverata all’Ospedale “Gravina” per meningite C.

Le sua condizioni cono stabili.

Completata a profilassi del personale, dei pazienti e dei contatti stretti.

CALTAGIRONE - Alle 18.40 di ieri una donna di 36 anni di Caltagirone è giunta al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Gravina” accusando febbre e cafalea.

La donna è stata subito sottoposta ai controlli previsti ed è stata ricoverata presso l’UOC di Malattie Infettive dove le è stata diagnosticata una meningite da meningococco C.

La paziente è stata condotta in condizioni di isolamento e immediatamente trattata con terapia idonea e secondo le procedure previste.

Le sue condizioni sono stabili, ma non è possibile al momento sciogliere la prognosi che resta riservata, così come dettato dalle linee guida in materia, nelle prime 24 ore.

È stata contestualmente avviata la profilassi del personale e dei pazienti presenti ieri al Pronto Soccorso.

L’UO di Igiene pubblica di Caltagirone sta completando in queste ore la profilassi dei contatti stretti della paziente.

Nessun pericolo per la popolazione.

Aggiornamenti sono previsti oggi pomeriggio entro le ore 18.00.


Massimo Cappellano

I Comuni Amici volano alto alla quarta riunione programmatica con il Festival Internazionale delle Mongolfiere





Si è svolta domenica 19 febbraio a Piazza Armerina la quarta riunione programmatica annuale dei Comuni Amici. L’incontro al quale erano presenti l’Assessore Regionale Al Turismo Barbagallo, il Sindaco di Aidone Lacchiana, il Sindaco di Mazzarino Marino,  il Sindaco di Caltagirone Ioppolo, il Sindaco di Piendmonte Etneo Puglisi, il Sindaco di Sperlinga Di Marco, e gli Assessori al Turismo di Sperlinga e Caltanisetta, si è tenuto presso i locali del Monte Prestami, affidati al Consorzio Turistico COPAT e sede dell’Info Point turistico.

La riunione, moderata dal presidente di Comuni Amici Ettore Messina, si è aperta con i saluti istituzionali del Sindaco di Piazza Armerina Filippo Miroddi, dell’Assessore Regionale agli Enti Locali Luisa Lantieri e del Vice Presidente dell’ARS Antonio Venturino.  

L’incontro è proseguito con l’ intervento dell’Assessore Regionale al Turismo Anthony Barbagallo, che ha partecipato alla riunione dall’inizio ai saluti finali, confermando che  tra gli eventi regionali del prossimo anno finanzierà il Festival Internazionale delle Mongolfiere, iniziativa dei Comuni Amici che si svolgerà tra Piazza Armerina e Aidone ad aprile 2018.

È poi intervenuto Paolo Patané, coordinatore dei Comuni Unesco Sicilia, che ha assicurata la propria attiva collaborazione con i Comuni Amici affinché possa svilupparsi, presso lo spazio gestito dai Comuni Amici al porto di Catania, un’area  eventi che servirà  non solo ad accogliere i crocieristi ma anche a coinvolgere i catanesi, facendo rivivere il porto alla Città.

Sullo stesso punto è intervenuto anche Antonio di Monte, port manager del CCT (Catania Cruise Terminal), che ha ufficializzato la partnership con i Comuni Amici, che gestiranno in esclusiva i 63 spazi commerciali presso il terminal.

Mario Russo, PFSO (Port Facility Security Officer) del CCT, ha invece parlato del turismo crocieristico che vedrà Piazza Armerina come una delle mete proposte per le escursioni dalle maggiori compagnie di crociera, e ha ribadito l’indispensabilità di un percorso pedonale permanente dal 1°  marzo in poi come conditio sine qua non.(Cosa che l’Amministrazione Miroddi ha già attuata)

Nel susseguissi degli oratori, la dott.ssa Anna Di Rosa, Presidente del club Unesco Piazza Armerina,  ha presentato il progetto della Rete dei Comuni del Gallo – Italico, che è stato preceduto  da un momento musicale con l’artista e cantautore popolare Filippo Leonardi, cha ha cantato in gallo – italico. Sono intervenuti inoltre il professor Trovato, esperto linguista di gallo-italico, e la dott.ssa Enza Cilia, si è passati infine alla firma del protocollo di intesa dei Comuni del Gallo – Italico.

Nel pomeriggio i lavori sono proseguiti con gli intervenuti  di Gisella Calì, responsabile del turismo per il Comune di Pachino, Serena Schillirò, assessore al bilancio del Comune di Aidone, Daniela Marino, director of operations del Sicilia Convention Bureau, che ha ufficializzato la partnership con Comuni Amici, e Gaetano Failla, vice – presidente dell’Istituto di Cultura Sicilia Australia, già partner dei Comuni Amici.

A conclusione dei lavori , dopo una breve esibizione dei musici dell’ Associazione  Piazza Medievale“ che è servita a ricordare all’Assessore Barbagallo la presenza del Palio dei Normanni tra le manifestazioni da attenzionare, Mauro Todaro, ideatore del Gogol, l’Oscar del Sorriso, ha premiato due ambasciatori delle tradizioni siciliane nel mondo: il cantastorie Luigi Di Pino e l’artista Roberto Caputo, famoso per i decori dei carretti siciliani che ha al suo attivo importanti partnership da Piaggio a Dolce & Gabbana, e che sarà il decoratore ufficiale dell’arredo urbano della Via Garibaldi (via pedonale adottata dal Consorzio Turistico COPAT). La Preside Lucia Giunta ha auspicato l’ufficializzazione dell’info-point regionale presso i locali del Monte Prestami, in partnership con l’assessorato regionale al turismo.

Ettore Messina al termine dell’ incontro, visibilmente soddisfatto, ha dichiarato: “Oggi è stata una giornata intensa e fattiva, i Comuni Amici sono cresciuti come anche gli obiettivi che ci prefiggiamo di raggiungere, il dialogo con i vertici regionali è stato importante e costruttivo”.

 Per chi non conoscesse Comuni Amici aggiungo: “ Comuni Amici è la ‘rete ideale’ di Comuni siciliani, nata nel 2014 da una mia iniziativa e fortemente sostenuta dagli assessori dei Comuni coinvolti, distribuiti su tutto il territorio siciliano,  essa è in continua espansione, l’idea  che porta avanti muove dalla voglia di fare rete e dalla necessità di ridurre le spese in un periodo di spending review. Comuni Amici è l’unione di più comuni distanti tra loro ma affini dal punto di vista culturale per tradizioni e storia e con un unico obiettivo, il turismo. Oltre alla promozione integrata, si propone di agire con strategie di marketing e offerte mirate per i turisti”.



                                                                          Totò Conti