lunedì 9 gennaio 2017

EMERGENZA NEVE: IN ARRIVO IL NUCLEO DEL GENIO MILITARE DELL’ESERCITO




COMUNICATO STAMPA

Il sindaco Venezia: “Situazione drammatica. Da soli non siamo in grado di fronteggiare l’emergenza”
È atteso nelle prossime ore da Palermo l’arrivo di un primo nucleo del Genio Militare dell’Esercito Italiano, per dare man forte alla problematica situazione di isolamento in cui si trova la città dopo le abbandonanti nevicate che senza tregua si sono riversate per giorni.
Accolta la richiesta di intervento straordinario avanzata dal sindaco Fabio Venezia, sabato 7 gennaio scorso, tramite la Prefettura di Enna, proprio per far fronte all’emergenza difficile da gestire e arginare.
I militari giungeranno per fare una ricognizione del centro storico e delle campagne, soccorre anziani, malati e disabili e gli animali delle aziende agricole isolate, che rischiano di morire per assideramento e mancanza di cibo.
Dopo aver fatto il punto della situazione, si procederà alla valutazione e programmazione delle tipologie di intervento e di soccorso da attuare.
Attesi rinforzi per la giornata di domani martedì 10 gennaio.
“La situazione è molto difficile – spiega il primo cittadino – e da soli, purtroppo, non ce la possiamo fare. Stiamo facendo il possibile, ma le richieste di aiuto sono tante e non siamo in grado di fronteggiarle tutte e con i mezzi adeguati”.

 Doriana Graziano




 


Aggiornamenti emergenza neve



EMERGENZA NEVE: SGOMBERATE LE STATALI 575 E 120, ANCORA BLOCCATA LA PROVINCIALE 34. 
IN SERATA SARA’ RIPRISTINATA L’EROGAZIONE IDRICA
Il sindaco Venezia: “Enormi difficoltà. Evitate di uscire se non necessario e nelle ore serali”

Proseguono senza sosta, seppur con enormi difficoltà, le operazioni di sgombero delle strade di accesso e uscita alla città, nonché quelle di transito del centro abitato.
Cessata la violenta bufera di neve della giornata scorsa e grazie a un leggero miglioramento delle condizioni atmosferiche e a un piccolo incremento delle temperature, è tornato operativo il Piano Comunale Antineve.
I mezzi spalaneve e della Protezione Civile comunale, coadiuvati da quelli dell’Anas e della Prefettura di Enna, che ha inviato un gatto delle nevi, una ruspa e una turbina spalaneve, hanno consentito di liberare vie di fuga e presidi sanitari, portare in salvo automobilisti bloccati e a rischio assideramento, consegnare medicine agli ammalati e agli anziani, garantire un pasto caldo ai disabili ospiti del “Villaggio Cristo Redentore” dell’Irccs Oasi Maria Santissima.
Libera la Strada Statale 575 per Catania, grazie all’ausilio dell’Anas e dei mezzi comunali, il cui sgombero urgente si è reso necessario per eventuali operazioni di soccorso del 118.
Sgomberato dalla neve anche 1 km di Strada della Statale 120, nel tragitto che da Troina conduce al comune messinese di Cesarò.
Ancora bloccata purtroppo invece la Strada Provinciale 34 in direzione Gagliano Castelferrato.
A partire da stasera inoltre, dovrebbe essere regolarmente ripristinata l’erogazione idrica.
Il guasto all’impianto di potabilizzazione della diga Ancipa, per il quale ieri la società AcquaEnna  aveva disposto la sospensione della fornitura per diversi comuni dell’ennese, è infatti stato riparato e, dalle prossime ore, sarà garantito l’approvvigionamento idrico per la città.
“Ci sono ancora enormi difficoltà – spiega il sindaco Venezia. Limitate al minimo gli spostamenti, se non necessari e, soprattutto, evitate di uscire nelle ore serali”.


Doriana Graziano