mercoledì 19 luglio 2017

GLI IMMIGRATI A PIAZZA ARMERINA



 
In merito ai recenti fatti accaduti  in Contrada S. Croce che hanno portato all’arresto di parecchi extracomunitari residenti in una struttura ricettiva di Piazza Armerina per blocco stradale e resistenza a pubblico ufficiale, il Sindaco Filippo Miroddi ci ha rilasciato la seguente dichiarazione.
La migrazione è un tema complesso.
Affrontarla con i post su Facebook mettendo la gente una contro l’altra e scatenando una guerra tra poveri è un fatto grave ed irresponsabile soprattutto se a buttare benzina sul fuoco è chi ha fatto politica ed usa la lotta contro gli immigrati per fare campagna elettorale.
La migrazione invece va gestita come Comunità, insieme alle Associazioni, alla Chiesa ed alle istituzioni tutte, dalla Prefettura alla Questura.
C’è ed occorre dirlo un tema legato ai numeri.
Città come la nostra, che in tempi non sospetti ha accolto il sistema SPRAR, grazie alla clausola di salvaguardia, non dovrebbe vedere sorgere altri centri di accoglienza il cui controllo sfugge al Sindaco ed anche ai Prefetti.
Per questo è opportuno che tutte le città facciano accoglienza in modo da ridurre i numeri.
Inoltre i centri di accoglienza, come facciamo con lo SPRAR devono organizzare attività di integrazione.
Non è giusto lasciare i migranti nelle strutture dando loro solo vitto ed alloggio.
Ma occorre, insieme alla Chiesa ed alle Associazioni, organizzare attività di integrazione e non mettere la gente l’una contro l’altra.
Un grazie di cuore va a tutte le forze dell’ordine per l’encomiabile attività di controllo e di costante monitoraggio del territorio”.

                                                Totò Conti