giovedì 20 luglio 2017

Comunicato dimissioni

A due anni di distanza dal commissariamento, l'Ente Parco Floristella-Grottacalda, unica realtà di civiltà mineraria in provincia, non conosce ancora il futuro che lo aspetta. Purtroppo la Regione Sicilia, che vive oggi uno dei periodi più bui della propria storia, non sembra intenzionata a dare più rilievo e possibilità di rilancio a questa realtà che se ben assistita, potrebbe essere una risorsa nonchè motivo di  sviluppo per il territorio Ennese, ma sopratutto per quei comuni con esso consorziati. Purtroppo oggi la politica ha ha altre priorità che nulla hanno a che fare con il benessere della gente e dei territori. Il nuovo presidente nominato da circa sei mesi, non è o non vuole essere in condizioni di fare insediare il CDA, senza il quale non può avviare una seria politica di programmazione e sviluppo dell'Ente. Non credo che nel futuro prossimo le cose cambieranno, pertanto anche se con estrema amarezza, ho rassegnato le mie dimissioni da componente del CDA dell'Ente Parco Floristella-Grottacalda con l'auspicio che l'amministrazione regionale che verrà, possa dare a questa realtà l'importanza e l'attenzione che merita. Ma se così non sarà, auspico che l'amministrazione comunale di Piazza Armerina avvii nel più breve tempo possibile, tutti gli atti necessari alla fuoriuscita da questa società partecipata di cui il comune e la città di Piazza Armerina non vedono più benefici da da due anni, pur contribuendo con il pagamento della quota annuale, alla sopravvivenza dello stesso. La stessa quota potrebbe essere inserita in un capitolo specifico che vada a sostenere una delle poche realtà di civiltà mineraria in Provincia, sita a Piazza Armerina in Via Garibaldi, i cui soci ex minatori dedicano in modo assolutamente volontario gran parte del loro tempo.
 
 
L'ex componente del CDA dell'Ente Parco Floristella-Grottacalda
Avvenia Carmela