sabato 8 aprile 2017

ISTITUITO IL “FONDO AUTORI TROINESI”


Alla biblioteca comunale, per conservare la memoria storica degli uomini di cultura del territorio

Troina,  Conservare la memoria storica dei numerosi uomini di cultura del territorio che, nel corso dei secoli, si sono distinti nei vari ambiti del sapere.                                                          

Con questo obiettivo l’amministrazione comunale, con delibera di giunta che prevede l’impegno di 3 mila euro da un apposito capitolo del bilancio dell’esercizio finanziario del 2017, ha istituito il “Fondo autori troinesi”.                                                               
Promotore dell’iniziativa il sindaco Fabio Venezia, che per primo ha fatto dono alla biblioteca comunale di Troina di alcune proprie importanti pubblicazioni.  
 

“Anche questa iniziativa  spiega il primo cittadino  , si inserisce nell’ambito dell’attività di recupero del nostro territorio, intesa come strumento di promozione culturale della nostra comunità.  

Per questo motivo riteniamo necessario cominciare proprio a partire dai nostri concittadini illustri che si sono distinti a tutto campo, pubblicando scritti e volumi di interessi culturale, che verranno censiti e acquistati”.                                                                 
 

La biblioteca comunale di Troina di via Conte Ruggero, nata inizialmente come biblioteca “circolante” e divenuta tale a partire dal 1979, conserva  attualmente 13 mila volumi, ben 2.700 dei quali sono edizioni antiche.                                                                                    
 

I testi, provenienti dalle biblioteche monastiche del territorio, cui si sono aggiunte diverse opere provenienti da privati e pregevoli volumi editi tra Quattrocento e Cinquecento, nonché manoscritti e documenti in lingua greca, costituiscono infatti un cospicuo e importante patrimonio  per la città.                   
“L’obiettivo di questa collezione libraria  prosegue il sindaco Venezia,  è quello di recuperare per finalità di studio e di ricerca tutte quelle pubblicazioni di cui, purtroppo, non si conserva alcuna copia nella biblioteca comunale. 


Invitiamo pertanto tutti i nostri concittadini che ne fossero in possesso a farne dono, per arricchire ulteriormente il fondo della nostra città”.                                                   

Doriana Graziano