giovedì 7 luglio 2016

Biscotti ai fagioli, contro diabete e celiachia





Uno studio dell’Ibba-Cnr, pubblicato sulla rivista Frontiers in Plant Science, spiega come i prodotti da forno a base di farina di fagiolo, rispetto a quelli con farina di mais e/o frumento, abbiano un migliore bilanciamento aminoacidico, un maggior contenuto di fibre, un minore indice glicemico e contenuto di amido, dimostrandosi quindi adatti a persone celiache o intolleranti al glutine e diabetiche

La farina ottenuta da varietà di fagioli privi di composti antinutrizionali riduce l’indice glicemico dei prodotti da forno. La notizia arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Plant Science, realizzato da un gruppo di ricercatori guidato da Francesca Sparvoli dell’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibba-Cnr).  La ricerca illustra la produzione di biscotti ipoglicemici, biofortificati e gluten-free.
“I legumi sono alimenti di origine vegetale con ottime proprietà nutritive. Le caratteristiche delle loro proteine sono complementari a quelle dei cereali e sono spesso usate nei prodotti privi di glutine”, spiega Sparvoli. “I semi, però, contengono elementi, come l’acido fitico, lectine e inibitori di enzimi, che interferiscono con l’assorbimento dei nutrienti compromettendo il loro valore nutrizionale”.
I ricercatori per la cottura dei biscotti, in combinazione con diverse proporzioni di farina di mais e/o di frumento, hanno isolato e utilizzato la farina del fagiolo lpa1 e della tipologia Lady Joy. “I biscotti contenenti farina di fagiolo sono migliori da un punto di vista nutrizionale rispetto a quelli con la solo farina di mais e/o frumento, poiché hanno un migliore bilanciamento aminoacidico, un maggior contenuto di fibre, un minore indice glicemico e contenuto di amido”, precisa la ricercatrice dell’Ibba-Cnr. “L’uso della farina di fagiolo lpa1 ha ridotto infatti del 50% il contenuto di acido fitico nei biscotti, rendendo così più semplice l'assorbimento del ferro. Invece i biscotti a base di farina Lady Joy sono particolarmente ipoglicemici perché, oltre a non contenere lectine tossiche attive, presentano quantità discrete di inibitore dell’α-amilasi, proteina che contribuisce a ridurre il picco insulinico post-prandiale in chi soffre di iperglicemia”.
Infine, presso il laboratorio di analisi sensoriale dell’Università degli Studi di Milano sono stati portati avanti dei test sulla gradevolezza di questi nuovi prodotti da forno. “I biscotti contenenti fino al 50% di farina di fagiolo su quelle totali risultano gradevoli in modo comparabile a quelli di controllo e si dimostrano adatti a persone celiache o intolleranti al glutine in quanto gluten-free, ossia fatti senza farina di frumento. Per il momento i biscotti non sono ancora disponibili sul mercato, ma ci auguriamo che si possa presto arrivare a una produzione a livello industriale”, conclude Sparvoli.

TRATTA AUTOSTRADALE AVOLA-NOTO-ROSOLINI

A GIORNI RIAPERTURA AL
TRAFFICO CON LIMITAZIONI DI VELOCITA’

In relazione agli incolonnamenti riscontrati nella tratta “Avola–Noto–Rosolini” e da più parti segnalati, si precisa quanto segue.
Il CAS nell’ambito della periodica manutenzione della sua rete autostradale ha, da tempo, disposto in quella tratta lavori di riqualificazione per migliorare la viabilità ed il livello di messa in sicurezza intervenendo su pavimentazione, segnaletica, barriere di sicurezza, ecc.
Alcuni di questi interventi sono parzialmente conclusi.
Attualmente sono chiusi al traffico circa 4 Km di carreggiata (direzione Siracusa) sui quali il Consorzio è in attesa delle risultanze di uno specifico studio commissionato al Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Messina per una perizia variante e suppletiva.
Il CAS - da un attento studio dei luoghi e tenuto conto dei maggiori transiti che abitualmente si riscontrano in tale periodo - è giunto nella determinazione di riaprire al traffico il tratto chiuso con limitazione di velocità.
A giorni il provvedimento di modifica della viabilità.

Sandro Cuzari Ufficio stampa CAS

L’Oasi Maria SS. di Troina aderisce al Disability Pride Italia



Troina   L’IRCCS Oasi Maria SS. ONLUS di Troina prende parte al Disability Pride Italia,  una iniziativa di respiro internazionale per rivendicare i diritti del mondo della disabilità e che si terrà a Palermo nei giorni 8, 9 e 10 luglio, nei Cantieri Culturali della Zisa. La manifestazione si terrà in contemporanea negli Stati Uniti. L’IRCCS Oasi Maria SS. è un centro di rilevanza nazionale per la ricerca scientifica nel campo della disabilità intellettiva e dei disturbi neurocognitivi, e da anni si cimenta in nuove ricerche per ulteriori e innovativi interventi in questo settore. L’IRCCS di Troina aderirà a questo evento internazionale con un momento di presentazione della propria attività, conoscenza e approccio al mondo della disabilità nella giornata di venerdì pomeriggio, otto luglio, nella fascia oraria dalle ore 16.30 alle ore 19.30, nell’ambito della conferenza-dibattito “Per i diritti dei disabili”. A rappresentare l’istituto la dottoressa Vita Mongelli, dell’U.O. di Psicologia che presenterà una relazione dal titolo “l’approccio dell’Oasi alla disabilità”. Il Disability Pride rappresenta anche un’occasione per  confrontarsi, discutere, ragionare sui punti di forza e di debolezza sul mondo dei diritti dei disabili avendo come piattaforma di riferimento i 50 articoli della Convenzione Onu sui diritti delle persone diversamente abili. La manifestazione è articolata in due fasi: la prima concentrata su conferenze-dibattiti che vedranno protagonisti le associazioni dei disabili. La seconda fase ha una dimensione più ricreativa con la proiezione gratuita di diversi film legati al tema della disabilità e l’esibizione di gruppi musicali. Il 10 luglio, ultima giornata della manifestazione, collegamento video con New York.


Salvo Calaciura


IN PIENA ATTIVITA’ IL SERVIZIO AVVISTAMENTO INCENDI ED ADDESTRAMENTO








Come ogni anno è partito il servizio antincendio posto in essere dal Comune di Piazza Armerina in collaborazione con le  Associazioni di Volontariato Plutia Emergenza, Armerina Emergenza, Sicilia Soccorso e Garibaldini a Cavallo, tutte facenti parte della Protezione Civile Nazionale e Regionale e che dal mese di Maggio ad oggi hanno avvistato e segnalato ai Vigili del Fuoco ed al Corpo Forestale numerosi incendi.
Le attività di addestramento e formazione vengono e saranno svolte da un altura che domina mezza Sicilia e precisamente presso il bene confiscato alla Mafia e ristrutturato con fondi europei, bene che verrà affidato ad una associazione che si occuperà di ospitarvi donne che hanno subito violenze e maltrattamenti e che lavoreranno in un modernissimo laboratorio  di pasticceria e sartoria.
L’altro ieri durante le attività di addestramento sono stati segnalati ben due incendi, il primo in contrada Rasalgone, domato dai vigili del fuoco solo in tarda serata,  il secondo in contrada Baccarato.
Gli stessi Vigili del Fuoco, data la vastità dell’incendio di contrada Rasalgone, avevano chiesto l’intervento del modulo in possesso di una delle associazioni che purtroppo per problemi burocratici legati alla Protezione Civile Regionale non era disponibile in quanto in attesa di revisione.

                                                           Totò Conti