venerdì 13 maggio 2016

Sabato 14 maggio, alle 9.30, avrà luogo l’inaugurazione del restaurato convento di San Pietro

Piazza Armerina. Dopo i saluti e gli interventi del Sindaco, Dott. Filippo Miroddi, di S. E. il Prefetto di Enna, Dott.ssa Maria Rita Leonardi, del Vescovo della Diocesi di Piazza Armerina, S.E. Mons. Rosario Gisana e del Sindaco di Catania, Dott. Enzo Bianco, seguiranno le comunicazioni relative ai lavori di restauro, a cura dell’Ing. Mario Duminuco, dell’Arch. Marcello Renda e dell’Arch. Giuseppe Di Vincenzo.
A seguire, l’intervento del Dott. Salvatore Lo Re, sugli affreschi ritrovati nel chiostro del convento.
Nel pomeriggio, alle 18, verrà inaugurata la Mostra d’arte contemporanea “Figurazione e trasfigurazione”, con opere di Kiki Clienti (fotografia), Gesualdo Prestipino (scultura) e Angelo Scroppo (pittura). 
 
La Mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 18 alle 21, fino al 22 Maggio 2016.

DOMENICA MATTINA A CALTANISSETTA L’EXPO’ DELLE PRO LOCO SICILIANE E L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE





La manifestazione prenderà il via alle 9.30 nei locali del culturale polivalente “Michele Abate”


SARA’ CONFERITO ANCHE IL PREMIO “SALVATORE ROVELLO”

Doppio appuntamento per le Pro Loco siciliane. Domenica mattina a Caltanissetta si terrà l’assemblea regionale delle 250 associazioni di promozione turistica aderenti all’Unpli (Unione Nazionale Pro Loco D’Italia) che saranno chiamate ad eleggere il presidente, i componenti del comitato regionale, i revisori dei conti ed i probiviri per il quadriennio 2016-2020.Contemporaneamente i locali del centro culturale polivalente “Michele Abate” (via Niscemi 264) saranno teatro anche dell’ “Expo” delle Pro Loco siciliane: una rassegna, con degustazione, dei prodotti e delle produzioni tipiche realizzata dai nove comitati provinciali. 


Nel corso della mattinata, inoltre, sarà assegnato anche il premio “Salvatore Rovello” attribuito ai migliori progetti di promozione turistica realizzati dai giovani del Servizio Civile. Le iniziative prenderanno il via alle 9.30 per concludersi nel primo pomeriggio, l’ingresso è libero.




Ludovico Licciardello



  
  


Comunicato Stampa


ANCORA RICONOSCIMENTI UFFICIALI PER PIAZZA ARMERINA GRAZIE AL SINDACO MIRODDI ED ALLA SUA GIUNTA




Ieri presso la Presidenza della Regione si è svolta una tavola rotonda sui rifiuti al termine della quale il Presidente Regionale di Legambiente On.Trizzino ed il Presidente dell’Anci Amenta hanno consegnato attestati di elogio come incentivo per premiare ed incentivare alcuni comuni siciliani che hanno avviata e stanno attuando la raccolta differenziata.
La menzione Start.Up è stata consegnata ai comuni di Favara, Isola delle Femmine, S. Filippo del Mela per il biennio 2015/2016, a Piazza Armerina per aver raggiunto nel 2015, primo anno di raccolta differenziata, la percentuale del 52,65% e per aver attuato in collaborazione con Legambiente un percorso virtuoso con la creazione dell’Ecostazione alla quale affluiscono un gran numero di cittadini.
Inutile e superfluo ricordare ai cittadini piazzesi diligenti che la raccolta differenziata  porterà un risparmio ipotizzabile intorno al 14% sulla tassa dello smaltimento rifiuti e darà a tutti turisti compresi una immagine ancora più bella della nostra Città.
A quelli invece che si ostinano a non farla, per fortuna pochi, ricordiamo che vi sono pesanti multe.
Un invito quindi a tutti a proseguire diligentemente per migliorare nel 2016 la percentuale già raggiunta.




                                                      Totò Conti

Osservata una nuova transizione di fase quantistica





Una ricerca dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr apre una nuova via per la creazione anche in sistemi macroscopici, quindi non solo alla scala atomica, di sovrapposizioni di stati quantistici detti 'entangled', noti anche come gatti di Schroedinger. La ricerca, pubblicata su Nature Physics, confermando una teoria ipotizzata da tempo, promette notevoli risvolti applicativi quali computer quantistici, sensori atomici ultra-precisi per la misura di gravità, campi elettromagnetici, proprietà atomiche e costanti fondamentali della fisica

Una ricerca dell’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr) ha consentito l’osservazione di una nuova transizione di fase in un gas atomico ultrafreddo, da tempo teorizzata per la creazione di stati quantistici detti 'entangled' e noti anche come 'gatti di Schroedinger'. Lo studio, condotto in collaborazione con il Laboratorio europeo di spettroscopie non-lineari Lens e il Dipartimento di fisica dell’Università di Firenze, è stato pubblicato sulla rivista Nature Physics.
“Uno dei principi fondamentali della meccanica quantistica, la sovrapposizione, prevede la possibilità per un sistema fisico di occupare due stati distinti contemporaneamente”, ricorda Marco Fattori ricercatore Ino-Cnr, Lens e dell’Università di Firenze, vincitore di un Erc. “Ad esempio, un fotone che incide su uno specchio parzialmente riflettente può attraversarlo ed essere riflesso allo stesso tempo e siamo noi, osservandolo, che lo forziamo ad optare per una delle due possibilità. Lo studio ora realizzato apre una nuova via per la creazione di sovrapposizioni di stati quantistici anche in sistemi macroscopici, cioè non solo alla scala atomica”.
I risvolti applicativi che possono derivare dalla scoperta sono notevoli, “ad esempio computer quantistici dalle performance inimmaginabili, oppure lo sviluppo di una nuova generazione di sensori basati sulle leggi della meccanica quantistica, capaci di misurare con altissima precisione forze come la gravità”, continua Fattori. “Questo renderebbe possibile non solo testare la validità delle leggi fondamentali della fisica, ma anche misurare la composizione del sottosuolo, con evidenti ricadute nei campi della geofisica, della vulcanologia e della ricerca di giacimenti”.
“Le tecnologie quantistiche, in questi casi con atomi quasi allo zero assoluto, rappresentano un fondamentale settore su cui investire ed è per questo che la Commissione Europea ha deciso di costituire una flagship in queste discipline che, partendo da un finanziamento di un miliardo di euro nei prossimi 10 anni, può fare da volano di un notevole coinvolgimento industriale”, conclude Massimo Inguscio presidente del Cnr, professore dell’Università di Firenze e coautore della ricerca. “Questo studio realizzato al Lens, infrastruttura Cnr presso l’Università di Firenze che attrae ricercatori italiani e stranieri, in questo caso da Austria, Brasile e Nuova Zelanda, dimostra che l’Italia è alla frontiera della ricerca in queste discipline e possiede le capacità per candidarsi al ruolo di coordinatore della flagship europea”.