giovedì 8 dicembre 2016

RITORNA AL COMUNE L’EX AREA SIACE





L’ex Area SIACE ritorna nella disponibilità del Comune di Piazza Armerina dopo che da diversi anni, e prima che si insediasse il sindaco Miroddi, ne aveva perduto il possesso e con esso la fiera del bestiame.

Il percorso amministrativo e burocratico che ha portato alla riappropriazione, ci dice il Vice Sindaco Mattia, è stato irto di  impedimenti e difficoltà ed è senza dubbio  uno degli atti più importanti e caparbi voluti dell’ Amministrazione Miroddi.

In una prima fase, continua Mattia, si è dovuto collaborare e supportare il liquidatore dell’area, poi dopo lunghe trattative si è riusciti a far trasferire il bene dal liquidatore alla Regione,  infine avendo come interlocutore la Regione e precisamente l’Assessorato al Patrimonio, grazie anche qualche amico in Assessorato ed ad un assiduo ed assillante lavoro di marcamento stretto, come si direbbe in gergo calcistico, si è riusciti a riottenerne il possesso.

Ieri infatti è stata protocollata la lettera  con la quale l’Assessorato Regionale all’Economia assegna l’area al Comune di Piazza Armerina che potrà utilizzarla esentando la Regione da qualsiasi spesa e responsabilità ivi compresa la custodia.

L’area ex SIACE era stata richiesta dall’Amministrazione Comunale con una delibera di Giunta la n°113 del 20 Giugno 2016, con essa si richiedeva alla Regione l’utilizzo di questa area che negli anni passati è stata sede dell’importantissima fiera zootecnica e di altre fiere.

 Nei giorni scorsi infatti, il Vice Sindaco Giuseppe Mattia si era recato a Palermo in Assessorato per sollecitare l’invio del provvedimento.

Gli obiettivi che si pone ora il Sindaco Miroddi ed il suo Assessore alle Attività Produttive Rita Marotta  sono due: Contattare Il Servizio Veterinario dell’ASP di Enna per riattivare in tempi brevi la fiera zootecnica; cercare di acquisire l’area definitivamente comperandola dalla Regione ad un prezzo politico e pagandola a scomputo.

Qualora questi obiettivi venissero raggiunti, tale area che può essere utilizzata in molti modi, sarebbe sicuramente un bene importante e  fonte di guadagno per la nostra Città.

                                            
 Totò Conti