sabato 10 settembre 2016

FINANZIATO IL MURO DEL CARMINE



Ancora un successo dell’Amministrazione Miroddi grazie al lavoro fatto dall’Ufficio Tecnico ed alla costanza, tenacia e testardaggine dell’Assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Mattia, che ieri è tornato da Palermo con la splendida notizia di un finanziamento regionale di un milione e trecentomila euro per il progetto che prevede la ricostruzione del muro sottostante la Chiesa del Carmine costruito oltre cinquanta anni fa e che era crollato per le infiltrazioni idriche lasciando scoperto un costone che minacciava di franare.

 Come ricorderete, questa stessa Amministrazione con un intervento tempestivo aveva messo in sicurezza adottando una tecnica modernissima adottata in Colombia (zona soggetta a smottamenti) consistente nello srotolamento di tappeti di cemento armato bagnati che asciugando induriscono trattenendo la massa franosa del costone.

Ieri la bella notizia, che certamente non farà piacere ai denigratori dell’Amministrazione Miroddi, del finanziamento del progetto che oltre a prevedere la ricostruzione del muro di sostegno sottostante la Chiesa con materiale a basso impatto ambientale e cioè con materiale adatto all’antichità dei luoghi, prevede l’abbattimento di alcuni capannoni abbandonati che si trovano sotto il muro per creare un parcheggio ed una scala che porterà dalla Piazza Alcide De Gasperi alla Chiesa del Carmine.

La ciliegina sulla torta sarà costituita da un ascensore posto al fianco della scala che darà la possibilità a chi lo volesse, ma soprattutto alle persone anziane ed ai disabili di poterne usufruire.

Questo progetto  mirato ai Centri Storici è stato finanziato grazie ad un punteggio altissimo ottenuto per il lavoro certosino fatto dall’Ufficio Tecnico che ha ottenuto ben venti punti in più andando a spulciare un documento Borbonico che attesta che pur essendo il Casalotto al di fuori del Centro Storico lo si deve considerare come facentene parte.

                                                  Totò Conti