mercoledì 15 giugno 2016

Acireale. Domani si presenta CTAinCLOUD la piattaforma in cloud fra l’Asp di Catania e le CTA della Provincia




Giammanco: «Un eccellente esempio di collaborazione pubblico/privato
ad esclusivo interesse del cittadino».

ACIREALE - CTAinCLOUD è la piattaforma per il monitoraggio in tempo reale delle Comunità terapeutiche e la dematerializzazione dei documenti, che sarà presentata domani, alle ore 10.00, presso l’Ospedale “Santa Marta e Santa Venera”.
Sarà presente il direttore generale dell’Asp di Catania, dr. Giuseppe Giammanco, che a conclusione dei lavori firmerà il protocollo di accettazione della piattaforma CTAinCLOUD con le Comunità terapeutiche assistite convenzionate della Città metropolitana.
Parteciperanno inoltre, il dr. Giuseppe Fichera, direttore del DSM dell’Asp di Catania, e il dr. Salvatore Zerbo, responsabile dell’UO Nucleo flussi informativi e verifica percorsi clinici del medesimo dipartimento, i legali rappresentanti delle CTA convenzionate e l’ing. Lucio Fusco, progettista della piattaforma.
«Il protocollo che verrà siglato - afferma il dr. Giammanco - rappresenta il punto di arrivo di un lungo e consolidato lavoro, svolto negli anni con le CTA, e il punto di inizio di un progetto che porterà con sé nuove sperimentazioni e nuovi obiettivi, e che costituisce già un eccellente esempio di collaborazione pubblico/privato ad esclusivo interesse del cittadino».
La piattaforma ha lo scopo di facilitare lo scambio di informazioni sanitarie e amministrative tra le CTA e l’Asp di Catania, attraverso la completa dematerializzazione della documentazione di ricoveri e dimissioni, delle comunicazioni delle presenze, delle rendicontazioni economiche mensili e annuali oltre che produrre tutti i flussi informativi previsti dalla Regione Sicilia e dal Ministero della Salute.
CTAinCLOUD, finanziata interamente dalle CTA, opera direttamente in ambiente cloud, permettendo la firma elettronica della documentazione trasmessa e la relativa conservazione, nel rispetto della normativa vigente e delle più avanzate tecniche informatiche.
L'utilizzo dell’ambiente cloud consente sia di ottenere, in tempo reale, informazioni sulla disponibilità di posti nelle singole strutture, attraverso un semplice ed efficace planning interattivo, sia di snellire la gestione amministrativa delle CTA e il controllo sanitario e amministrativo del DSM dell’Asp di Catania.
«L'adozione della piattaforma CTAinCLOUD - spiega il dr. Fichera - consentirà di velocizzare le procedure, consentendo alle strutture sanitarie pubbliche e private di liberare ulteriori risorse da dedicare alle attività di cura, migliorando quindi il servizio senza aggravio di spesa».
Non sono da sottovalutare le potenzialità della piattaforma nella gestione clinica dei pazienti.
«Questo ambiente virtuale - aggiunge il dr. Zerbo - ci darà la possibilità di interfacciarci direttamente con i software attualmente in uso presso l’Asp, permettendo ulteriori sinergie nella gestione clinica e amministrativa dei pazienti. Le utili indicazioni fornite dall’ing. Salvo Garozzo, direttore dell’UOC Informatica dell’Asp, hanno permesso di perseguire il pieno rispetto della privacy del paziente e di adottare i più ampi criteri di sicurezza come tecniche di disaster recovery e business continuity».


Massimo Cappellano