sabato 30 gennaio 2016

Comitato civico Legalità Quartiere Normanni Santa Croce



 Comunicato stampa

In data 28/01/2016 presso la PREFETTURA di Enna il Comitato è stato invitato a partecipare alla riunione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, tenutasi a Enna, per discutere la problematica riguardante l’avviamento della struttura sita in C/da S. Croce, inserita in graduatoria per l’alloggio di presunti profughi.
Il Comitato ringrazia tutti gli intervenuti alla riunione e precisamente: Il Vice Prefetto Vicario dott.sa Giallongo,  il Colonnello Paolo Puntel del Comando Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Giuseppe Licari, il Vicario del Questore Corrado Basile, il capo di gabinetto Salvatore Grasso ed infine il Sindaco di Piazza Armerina, per avere concesso la possibilità di esprimere tutto il malessere e le preoccupazioni connesse al possibile avviamento della struttura in questione.
Il Comitato nelle persone di Careri Davide e Pafumi Lauretta Vincenzo, rispettivamente Presidente e Vice Presidente, ha esposto, leggendo e consegnando un documento messo agli atti, tutte le problematiche del caso, che da un anno e mezzo si trova a dover “combattere” contro la realizzazione del progetto portato avanti dagli imprenditori dell’accoglienza, tutto ciò per far capire alle autorità presenti nella riunione, che un eventuale autorizzazione concessa secondo la richiesta fatta da quest’ultimi, causerà un grandissimo disagio alle famiglie residenti nella zona interessata.
Il Comitato nel dichiarare in maniera esplicita di non essere contrario all’accoglienza di presunti profughi, ha sottolineato che si opporrà fermamente a qualsiasi tipo di insediamento con un eccessivo numero di uomini, in qualsiasi zona della cittadina, al fine di garantire una tranquilla convivenza con gli ospiti e non dare quel senso di GHETTO, che, direttamente o indirettamente metterebbe  paura. Altresì ha proposto di destinare gli ospiti sul territorio di Piazza Armerina, spalmati in strutture con un numero massimo di 15 presenze, ed in particolar modo, richiesta inoltrata dal Comitato soprattutto per la struttura destinata in C/da S. Croce.       
 Il  Sindaco di Piazza Armerina durante il suo intervento ha esposto la volontà nell’indirizzare gli organi presenti a far rispettare la delibera comunale del 07/01/2015 dove vi è scritto che si ospiti un numero massimo di 25 richiedenti asilo, spalmati per tutta la C/da S. Croce in diverse strutture.
I rappresentanti del Comitato hanno apprezzato la disponibilità del Vice Prefetto Vicario dott.sa Giallongo, nell’ascoltare e capire le preoccupazioni in merito, dando certezze che la situazione verrà analizzata e valutata attentamente, tenendo in considerazione tutto ciò che un eventuale avviamento della struttura d’accoglienza possa portare nella vita quotidiana dei residenti, e garantendo che il Comitato verrà costantemente aggiornato sull’evolversi dei lavori in merito ai sopralluoghi ed eventuali autorizzazioni.
Nonostante le garanzie e rassicurazioni ricevuta durante la seduta, l’attenzione dello stesso sul problema non scenderà in nessun modo. In caso contrario non venga tenuto in totale considerazione tutto ciò che il Comitato ha esposto in Prefettura, continuerà la battaglia in tutti i modi e con tutti i mezzi a sua disposizione nel rispetto delle leggi, per raggiungere lo scopo prefissato, e cioè non sconvolgere la serenità e la qualità della vita dei residenti di C/da S. Croce.


Vincenzo Pafumi Lauretta" 
 Davide Careri